Il punto160 | Acquisti consapevoli

Tag

, , , , ,

Dicembre. Il mese dei bilanci e delle “attenzioni” verso gli altri. Regali a famigliari, amici e conoscenti. Un dono, un pensiero. Una voglia di manifestare materialmente il proprio affetto. Non discutiamo certo sul consumismo e nemmeno sulle modalità di dimostrare l’affetto verso chi apprezziamo, stimiamo, amiamo. Anzi parliamo proprio di azioni concrete e di consumi, di scelte, di acquisti veri e propri. In questo periodo dell’anno noi italiani, come tanti nel mondo, spendiamo e investiamo cifre importanti per i regali natalizi. Continua a leggere

Mafia Capitale, Carminati contro pm: “Non mi faccia la morale” (Il Fatto Quotidiano)

Tag

, ,

“Io non rinnego nulla della mia vita, è stata quello che è stata, ho sempre pensato che è meglio avere un’idea sbagliata che nessuna idea. Non posso rinnegare i miei amici così faccio contento il dottor Tescaroli. Lui mi può anche chiedere l’ergastolo, è un suo diritto. Io ammiro la sua cattiveria professionale ma non può farmi la morale”. Lo ha detto Massimo Carminati nel corso di dichiarazioni spontanee oggi pomeriggio nell’aula bunker di Rebibbia nel processo a Mafia Capitale, riferendosi al pm Luca Tescaroli, titolare dell’inchiesta. “Non ho parlato per 40 anni ma quando mi prende e parto”. Ha proseguito ancora Carminati: “Io sono stato vittima per anni di leggende metropolitane, ma ho sbagliato perché io dovevo confutare queste cose una volta per tutte”. Carminati, quindi, cita un’altra inchiesta condotta in passato dallo stesso pm, quella sull’omicidio del banchiere Roberto Calvi.

CONTINUA A LEGGERE SU ‘IL FATTO QUOTIDIANO’

Il punto159 | Cinematografia e remake

Tag

“Offrire allo spettatore qualcosa che si conosce già, ma in un modo nuovo”, è così che Paolo Mereghetti – critico cinematografico del Corriere della Sera – introduce la questione del remake cinematografico nell’ambito dell’incontro “The big short. Cinematografia e potere nel mondo contemporaneo” tenutosi ieri presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore.
Il cinema si ripete e confluisce nel suo inizio, come una spirale senza fine, nel tentativo di sopravvivere a un mondo consumistico che non si accontenta più. Nel corso degli anni, le nuove immagini si sono sovrapposte a quelle precedenti, e ne sono diventate un’imitazione barbara o un’accurata rivisitazione. Ma gli occhi dello spettatore si sono trasformati negli occhi del critico, pronti a mostrare il loro disappunto di fronte al “già visto”. Continua a leggere

Tre sorelle per i tre capiclan: la grande alleanza di camorra (IL MATTINO)

Tre donne, tre sorelle legate da un indissolubile legame di sangue: quello della camorra. Sono le sorelle Aieta: Anna, Maria e Rita. Hanno sposato Francesco Mallardo, Edoardo Contini e Patrizio Bosti dando vita così ad un patto, un sodalizio non solo familiare: l’alleanza i Secondigliano. I due clan, i Mallardo di Giugliano e i Contini di Napoli, sono alleati in virtù del legame di parentela che lega i boss Francesco Mallardo e Patrizio Bosti, sposati con due delle tre sorelle Aieta: Francesco Mallardo con Anna e Patrizio Bosti con Rita. Imparentati con loro anche Gennaro Licciardi e Edoardo Contini. Quest’ultimo ha sposato la terza sorella Aieta, Maria. Tre sorelle indagate nell’operazione messa in atto dalla Dia di Napoli, a firma del pubblico ministero Maria Cristina Ribera.

CONTINUA A LEGGERE L’ARTICOLO SU ‘IL MATTINO’.

Il punto158 | Mafie, le colpe dello Stato e la responsabilità di ognuno di noi

Tag

, , ,

Molti sostengono che i fenomeni mafiosi – mafia siciliana, camorra campana/napoletana, e ‘ndrangheta calabrese – siano originati dalla mancanza dello Stato. In linea generale tale affermazione può essere valida. Sarebbe, però, utile sviscerare l’argomentazione. Detta così lo Stato sembra essere una entità astratta: non si specificano né il livello né le responsabilità. Di chi parliamo? Delle istituzioni o dei politici? Dei singoli cittadini o del mondo dell’associazionismo? Continua a leggere