Tag

, , , , ,

Si trovano in tutte le città italiane, nelle strade e nelle piazze più trafficate, nei luoghi più frequentati da automobilisti “frettolosi”. Sono i parcheggiatori abusivi, figure alle quali siamo ormai abituati da diversi anni. Abusivi perché in Italia questa mansione non è regolamentata da alcuna legge o codice: dunque, al di fuori di ogni garanzia e da qualsiasi controllo fiscale. A svolgere questo lavoro sono quasi sempre persone con problemi economici (o nullatenenti) che chiedono soldi agli automobilisti in cambio di sorveglianza momentanea. Ma cosa accade se si rifiuta di pagare? E’ capitato in molti casi che gli automobilisti abbiano ricevuto minacce. Oppure danni al proprio mezzo parcheggiato. Si può parlare, in questo caso, di richieste estorsive? Nel momento in cui una persona sa di dover pagare per evitare ritorsioni è ipotizzabile una qualche forma di reato? Il fenomeno, per quanto diffusissimo da anni, sta trovando un contrasto adeguato solo negli ultimi tempi, anche grazie ad una maggiore sensibilità dei cittadini-automobilisti. Le Forze dell’Ordine hanno, però, poteri limitati nel contrasto al fenomeno che, in molte circostanze, sfugge ai controlli e alle attività di prevenzione. In generale si può intervenire solo in caso di una denuncia formale da parte della persona minacciata: caso raro, purtroppo. Intanto è utile capire il legame tra il fenomeno dei “parcheggiatori abusivi” e la presenza di organizzazioni mafiose sul territorio. A Napoli, in particolare, è capitato che in alcuni quartieri questi fossero controllati dalla camorra. Il clan decideva la loro dislocazione sul territorio, il “tariffario”, le modalità di intervento. Erano e sono, quindi, sentinella della camorra che contribuiscono ad aumentare gli introiti nelle casse dei sodalizi criminali. “Ogni strada di Napoli «appartiene» a un clan” si legge in una inchiesta pubblicata dal quotidiano ‘Il Mattino’. La magistratura indaga anche su questo aspetto. Il fenomeno resiste e in molti lo giustificano come un modo per “arrangiare”, per sopravvivere giorno dopo giorno.

Alessandro Bottone

_______________
Per approfondire:
1. ‘PARCHEGGIATORI, OGNI STRADA APPARTIENE AD UN CLAN’, L’INCHIESTA DE ‘IL MATTINO’
2. IL SERVIZIO TV DE ‘LE IENE’ SUI PARCHEGGIATORI A NAPOLI
3. LE MINACCE DEL PARCHEGGIATORI ABUSIVO DA ‘TERRA NOSTRA NEWS’
4. «CI COSTRINGETE A RUBARE» DA ‘IL MATTINO’

Annunci