Tag

, , , , ,

Fare antiracket oggi significa sicuramente essere coraggiosi. E non solo perché devi “sfidare” dei criminali pronti a tutto pur di difendere i loro interessi. Ci si ritrova a fronteggiare anche tutta una serie di meccanismi. A partire dalla comprensibile paura da parte delle vittime di estorsione o di usura: evidente il loro sensibile stato d’animo di fronte a richieste insistenti che si trasformano quasi sempre in palesi minacce di violenza. È necessario, quindi, sapersi rivolgere a queste persone in modo adeguato spiegando loro che insieme, grazie ad una squadra e al lavoro di questa, si possono battere tali fenomeni criminali, in molti casi egemonizzati dalle organizzazioni mafiose. In Italia la F.A.I., Federazione delle Associazioni Antiracket e Antiusura, svolge questo lavoro ormai da ventisei anni collaborando con le Forze dell’Ordine, con la Magistratura e con tutte le Istituzioni in campo. Ma soprattutto stando a fianco a cittadini, imprenditori e commercianti che hanno deciso di denunciare e non sopportare più. Deciso, in molti casi, insieme agli attivisti dell’antiracket, al loro sostegno e alla loro vicinanza. Il percorso non è mai semplice ed è proprio la professionalità di certe figure che aiuta ad arginare le sensazioni di paura e smarrimento da parte delle vittime. Risultati straordinari sono stati raggiunti in questi anni grazie all’attività di una squadra che lavora insieme sul campo, stringendo accordi e scrivendo protocolli atti a contrastare fenomeni che cercano di sfuggire anche ai controlli più minuziosi. Una criminalità spietata che, per essere combattuta, deve essere studiata, analizzata ed efficacemente svelata e quindi denunciata apertamente. In tal senso da qualche giorno è aperto lo sportello della FAI Antiracket nella città di Avellino. Un nuovo presidio che si aggiunge ai ben ottanta già presenti su tutto il territorio nazionale, di cui venti nella sola regione Campania. Come in ogni altro posto anche qui lo scopo dell’associazione sarà fare rete tra attivisti e operatori del settore per poter contrare efficacemente i fenomeni del racket e dell’usura che, come spiega Tano Grasso, Presidente onorario della F.A.I., necessitano di attenzione sempre maggiore.

Alessandro Bottone

  1. COMBATTERE IL RACKET, SINERGIA TRA FORZE DELL’ORDINE E ASSOCIAZIONI, DA ‘MESSINA ORA’
  2. NASCE LA NUOVA ASSOCIAZIONE ANTIRACKET AD AVELLINO, DA ‘IL MATTINO’
Annunci