Tag

, ,

Il “welfare criminale” esiste. Lo ha affermato Raffaele Cantone, Presidente dell’ANAC, Autorità Nazionale Anticorruzione, a margine della firma del protocollo d’intesa tra l’ente nazionale e le Procure campane per prevenire e sconfiggere la corruzione. Le parole di Cantone non fanno altro che confermare una situazione di fatto che emerge palesemente dai territori. Centinaia di famiglie in Italia vivono – o sopravvivono – grazie alle attività illecite portate avanti dalle organizzazioni criminali di stampo mafioso. Camorra, mafia siciliana, calabrese e ogni altro tipo di sistema mafioso insistono sulla vita di migliaia di persone potendo sfruttare la loro disagiata condizione socio-economica e permettendo alle singole strutture criminali di generarsi e protrarsi nel tempo. Lo spaccio di droga, ad esempio, è una delle attività più frequenti, seguita dal contrabbando di sigarette. E sono ovviamente fenomeni fortemente contrastati dalle forze dell’ordine su ordine della magistratura. Il problema, però, resta nel momento in cui le persone arrestate – e poi perseguite e condannate – vengono sostituite da famigliari, parenti o semplicemente da altre. Per cui il “sistema” va avanti, le attività anche. È utile riflettere anche sulla circostanza per la quale questi “servizi” offerti dalla criminalità organizzata di stampo mafioso rispondono a delle esigenze che vengono direttamente da persone comuni, cittadini che diventano “consumatori” di attività illegali e illecite che a loro volta permettono ad altri cittadini italiani di “campare”. Una circolo vizioso che viene sì interrotto da una giusta repressione ma che andrebbe stanato anche con altri metodi. Qui certo non vogliamo giustificare l’esistenza e il protrarsi di certe azioni – che restano da recriminare senza se e senza ma – ma l’opportunità da offrire a persone che oggi non hanno alcun accesso al mondo del lavoro, dei servizi, della dignità. Sarebbe sicuramente diverso se queste persone venissero poste di fronte a una scelta: quella di un lavoro onesto e nella piena legalità, senza doversi nascondere o scappare perennemente.

Alessandro Bottone

Annunci