Tag

, , ,

Via libera definitivo e unanime dell’aula della Camera alla istituzione della “Giornata nazionale della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime delle mafie”, fissata per il 21 marzo, il primo giorno di primavera, di ogni anno (Rainews).

E’ notizia di oggi. Quella aspettata da, forse, troppo tempo. Un risultato importante per l’Italia e chiunque, in questi anni, ha lottato per riconoscere la giusta memoria alle vittime innocenti delle mafie. Le centinaia di persone ammazzate dai clan di tutta la penisola, anche al nord dove ancora esistono resistenze sull’ammissione dell’esistenza di organizzazioni di tipo mafioso. Persone innocenti che, in moltissimi casi, si sono impegnate in prima persona per battere questi fenomeni. Lo hanno fatto nella politica, nel giornalismo, nel mondo dell’imprenditoria o dell’associazionismo. Personalità che hanno fatto la storia del movimento antimafia italiano che ancora oggi si batte per il riconoscimento di una serie di diritti, spinta propulsore di una serie di cambiamenti nel Belpaese, non ultima quella avvenuta oggi con l’istituzione della giornata nazionale del 21 marzo.

Alessandro Bottone

  1. Approvata la legge, 21 marzo giornata nazionale per le vittime delle mafie (Rainews)
Annunci