Tag

, , ,

Nicola Salvatore e Isabella Rotondo li hanno ammazzati nella loro profumeria in una delle vie principali di San Severo, il 24 maggio scorso. Di prima mattina e con un’azione fulminante, da killer professionisti. Trenta secondi per scendere da un pick-up, entrare nel negozio, centrare prima lui e poi mirare alla testa di lei. “Una scena raccapricciante”, la descrivono gli investigatori che hanno visionato i filmati. L’agguato è maturato in ambienti criminali: probabilmente una vendetta trasversale dovuta al fatto che il figlio dei due, ancora minorenne, a ottobre aveva ucciso un coetaneo per questioni legate a una ragazzina contesa. Poche ore dopo il loro omicidio, a Vieste, è scomparso Pasquale Notarangelo, figlio di Onofrio, fatto fuori il 27 gennaio, e nipote di Angelo “Cintaridd”, elemento di spicco della criminalità organizzata foggiana assassinato due anni fa. Lupara bianca, sospettano gli inquirenti.

CONTINUA A LEGGERE SU ‘IL FATTO QUOTIDIANO’

Annunci