MESSINA – C’è anche l’ex presidente dei costruttori di Messina, Carlo Borella, tra i trenta arrestati nell’operazione dei carabinieri del Ros e del comando provinciale di Messina che all’alba ha portato in carcere imprenditori e pubblici funzionari in un’inchiesta coordinata dal procuratore aggiunto di Messina Sebastiano Ardita.
Tra gli arrestati anche Raffaele Cucinotta dell’ufficio urbanistica del comune di Messina. Per l’accusa era la talpa dei clan nelle gare per gli alloggi popolari.
Per i magistrati quella che è stata sgominata è una vera e propria cellula catanese di Cosa nostra che per anni ha condizionato la vita pubblica di Messina. Un blitz che ha portato in carcere anche funzionari del Comune ed esponenti della società che conta affiliati tra di loro anche da un vincolo di segretezza della massoneria.

 

CONTINUA A LEGGERE L’ARTICOLO SU “LA REPUBBLICA”.

Annunci